Villa Bruno

Un Gioiello che Sorge a San Giorgio a Cremano: Villa Bruno

Villa Bruno è un vero e proprio centro culturale dell’intera zona vesuviana. Di proprietà, originariamente, della famiglia Monteleone, e, successivamente, della famiglia Lieto ha ospitato nomi illustri della storia preunitaria italiana. Fu sede, tra l’altro, anche della Fonderia Righetti, nella quale avvenne la fusione dei cavalli delle due monumentali statue equestri raffiguranti Carlo di Borbone (futuro Re Carlo III di Spagna) e Ferdinando I delle Due Sicilie (già Ferdinando IV di Borbone), le quali furono poste nel 1829 in Piazza del Plebiscito a Napoli. Il complesso si presenta come un corpo unico a più foci ed è separato dalla strada da un muro di recinzione e da un cancello in ferro battuto. Sulla sinistra dell’edificio si osserva il cospicuo corpo di fabbrica delle Fonderie, in tufo giallo napoletano. Benché in pianta abbia la stessa impostazione settecentesca, la struttura presenta un aspetto sostanzialmente neoclassico mentre la distribuzione dei volumi è stata alterata da ampliamenti successivi. Il prospetto posteriore, pur nella sua semplicità, conserva ancora l’ampio arco ribassato ed il corrispondente balcone principale privo delle ornamentazioni che lo collegavano all’apertura sottostante. La balconata sinuosa, come gli ampi terrazzi a belvedere, ricordano la volontà di godere delle bellezze naturali che lo scenario vesuviano offriva, caratteristica preminente di questi nobili casini di villeggiatura. Il timpano finale curvo incornicia una nicchia ellittica in cui spicca una statua di San Gennaro benedicente in cotto. Dal portale d’ingresso si inquadra il portone che incornicia, in una profonda prospettiva, la nicchia posta in fondo alla tenuta. Questo effetto scenografico è reso dalla coincidenza dell’asse principale dell’impianto architettonico con quello prospettico che inizia con l’atrio e il successivo vestibolo passante e che termina con l’edicola barocca finale. Il luminoso viale pieno, che spicca dietro l’atrio, era arredato con sedili in pietra posti ai due lati che si alternano, per oltre duecento metri, a basi di statue e vasi. Lo splendido cortile è, al giorno d’oggi, sede di numerose manifestazioni artistiche

Una perla che è parte integrante del celebre Miglio d’oro di cui fa parte, con orgoglio, anche Villa Signorini

Per Informazioni sui luoghi che circondano il nostro straordinario complesso e per prenotare la tua permanenza alle falde del Vesuvio contatta l’Ufficio Booking (+39 081.7776423) o scrivi a prenotazioni@villasignorini.it

Villa Signorini: La Raffinata Arte del Ricevere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *