Santuario di Pompei

Oltre ad ospitare gli stupendi Scavi Archeologici, Pompei è, da sempre, un centro religioso d’importanza planetaria

Il Santuario della Beata Vergine del Rosario, cattedrale della prelatura territoriale e sede della delegazione pontificia, è fra le principali mete di pellegrinaggio italiane ed internazionali

L’esterno dell’edificio sacro ha aspetto basilicale ed è caratterizzata da due ordini sovrapposti. Quello inferiore, in stile ionico, presenta centralmente un corpo avanzato in corrispondenza della navata centrale. In quest’ordine sono presenti tre arcate (con la centrale maggiore) che immettono al portico e, quindi, ciascuna ad una navata. Nella parte bassa di quest’ordine è presente un robusto basamento dal quale si elevano, in corrispondenza di ciascuna arcata, pilastri (per le arcate laterali) e quattro colonne monolitiche di 6,80 metri di granito rosa (per l’arcata centrale). Tali pilastri e colonne hanno basi attiche e capitelli ionici. L’ordine superiore, in stile corinzio, segue la disposizione di quello precedentemente descritto nella distribuzione dei pilastri e delle colonne. Alla sommità è presente un attico con balaustra. Ai lati di quest’ultima sono posti un grosso orologio (a sinistra) e una meridiana di pari dimensioni (a destra). Al centro invece, su di una robusta base, è collocata la statua della Vergine del Rosario,opera dello scultore Gaetano Chiaramonte. Nel portico della facciata sono collocate quattro nicchie ove poste le raffigurazioni in marmo di Padre Ludovico da Casoria, di San Luigi Guanella, di San Leonardo Murialdo e di Santa Francesca Saverio Cabrini.

Per quanto riguarda l’interno, durante i lavori di ampliamento del santuario del 1934-38, la superficie fu quintuplicata fino a raggiungere ben 5000 m². La navata centrale, in particolare, rimase intatta ma fu prolungata notevolmente e, inoltre, furono create le due navate laterali in corrispondenza dei due ingressi laterali della facciata. Fu, inoltre, abbattuta la vecchia cupola per costruirne un’altra più alta ed aumentato il numero degli altari. Utilizzando lo spazio tra le grandi campate in cemento armato, che si erano rese necessarie per sostenere l’imponente peso della struttura, fu ricavata, una meravigliosa cripta.

Stupendo è il Quadro della Madonna, collocato tra marmi policromi, lastre di onice e lapislazzuli

Madonna di Pompei

D’immenso valore artistico è anche il Campanile della struttura. La posa della prima pietra della struttura avvenne il 12 maggio 1912 e, dopo tredici anni, il 24 maggio 1925 ci fu l’inaugurazione con una solenne cerimonia in presenza di Bartolo Longo.

Villa Signorini è un ottimo punto di partenza per poter esplorare il territorio partenopeo e le varie perle che lo circondano

Per informazioni e prenotazioni contatta il nostro Ufficio Booking (+39 081.777 6423) o scrivi a prenotazioni@villasignorini.it

Villa Signorini: lo stile e la raffinatezza tipica di Partenope e del suo territorio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *